Christian con la acca

Elisa Leoni

Quando arriviamo in città mi tiene aperta la porta della stazione, lasciando l’impronta bianchiccia delle dita sul vetro. Chiede: «Io ero un bambino cattivo?». Ma a me non sembra una domanda.