Stéphane Zuliani College Scrivere A 2018-2020

Classe 1996. Ho studiato Comunicazione alla Statale di Milano.
Le mie passioni sono le letterature e le tecnologie, specie quelle che non esistono ancora.

Invia un messaggio a Stéphane Zuliani

Visita il profilo Twitter di Stéphane Zuliani

Visita il profilo Linkedin di Stéphane Zuliani

Visita il profilo Medium di Stéphane Zuliani

Visita il sito di Stéphane Zuliani

Data di Nascita: 18.12.1996

Luogo di Residenza: Torino

Disponibilità al trasferimento: Sì

Curriculum Vitae

Stéphane Zuliani - Tutti i contenuti

  • La lunga notte dei cyborg è un romanzo cyberpunk con tematiche queer, che ho scritto nell'ultimo anno. È completo in prima stesura (100 cartelle circa) e al momento sto lavorando a una riscrittura.


    Siamo negli anni Cinquanta del Duemila, su un’isola artificiale del Pacifico popolata da emigrati, con una società liberale e un governo tecnocapitalistico che utilizza degli hacker “bianchi” per controllare il flusso delle informazioni.

    Whininfred è un giovane musicista che, a causa di un incidente, ha perso il braccio sinistro e lo ha fatto rimpiazzare con un insieme di componenti robotiche. Un giorno, al culmine di un lungo periodo di insonnia, Whininfred uccide un suo collaboratore. Grazie a una vecchia amica, Anitaa, che lavora per il governo, riesce ad avere delle pillole che lo aiutano a dormire. Al risveglio, però, scopre di aver dormito per due settimane, e ha solo ricordi confusi di quello che ha fatto.

    Anitaa nel frattempo sta indagando su un clamoroso cyberattacco ai danni del governo. È convinta che l’impresa sia opera di un’intelligenza artificiale, ma nessuno crede che sia possibile. Le indagini la portano a incrociare la strada di un hacker ermafrodito chiamato Cuz.Cuz è allo scuro di tutto, ma l’interrogatorio lo mette in allerta. Insieme ai suoi partner Maude e Antonin, sta cercando di avere un figlio con l’aiuto di un impianto per la fertilità. A causa delle politiche di controllo demografico dell’isola, i tre sono costretti ad andare all’estero, ma per farlo Maude, che è di seconda generazione, deve ottenere dei nuovi documenti con qualsiasi mezzo lecito o illecito.

    Di seguito il primo capitolo.

  • Autodifesa del gambero è il mio progetto finale del biennio di Scrivere.

    È la storia di una confessione. Chiara è un giovane donna che vive a Torino e di professione fa la cartomante. Tutto viene interrotto dal ritorno del suo ex, Massimo, che adesso ha realizzato il sogno di diventare magistrato e ha una nuova vita nella quale non c'è spazio per Chiara. Così lei si fa trascinare in un vortice di bisogno e paura, desiderio e repulsione, che la porta a inseguire Massimo, a spiarlo in ogni sua azione, ma senza avvicinarsi mai.

    Di seguito i primi quattro capitoli.