Mariavittoria Salucci College Digital 2018-2020

Odia il cioccolato, le luci a intermittenza e chi le dice “basta parlare di sesso”. Studia i corpi e le loro rappresentazioni sul digitale, ma le piace anche andare in edicola e guardare le facce delle persone quando chiede se ci sono delle riviste pornografiche. Ogni tanto suona l’arpa celtica, molto più spesso legge articoli femministi. Ora ha la frangetta.

Invia un messaggio a Mariavittoria Salucci

Visita il profilo Facebook di Mariavittoria Salucci

Visita il profilo Linkedin di Mariavittoria Salucci

Data di Nascita: 30.11.1996

Luogo di Residenza: Torino

Disponibilità al trasferimento: Sì

Curriculum Vitae

Mariavittoria Salucci - Tutti i contenuti

  • È durante le gite scolastiche che si inizia a parlare di sessualità, pornografia e zozzerie varie. Ma quanto davvero si conoscevano (e si conoscono) questi argomenti? Sul pullman vigeva una regola non scritta per cui i caciaroni si siedono in fondo e i secchioni davanti. Non è mica arrivata l'ora di diventare un secchione del porno?

    Perché parlare di pornografia

    Il primo obiettivo della ricerca di Hornybus era analizzare le influenze della pornografia sulla vita reale. Ma quanto si sa davvero di porno? È più facile capire che cosa non è pornografia rispetto a che cosa è. Come è piuttosto che perché è. È più semplice riconoscerla che conoscerla.

    La maggior parte degli articoli, dei progetti e delle ricerche sono confuse, faziose e cercano in tutti i modi di demonizzare una realtà sociale più che diffusa. Si parla male di sesso, sessualità, educazione sessuale, ma ancora peggio di pornografia.

    Hornybus si propone di fare chiarezza, informazione e soprattutto di portare gli studi di Foucault allo stesso livello di comprensibilità di Pornhub. Lo scopo del progetto è decostruire i tabù che circondano la pornografia per avviare un discorso costruttivo e inclusivo.

    Struttura del progetto

    Hornybus è un progetto transmediale che si declina su più formati:

    • Un account Instagram per fare community, diffondere contenuti e promuovere un primo approccio ai Porn Studies;
    • Un account TikTok per raccontare il gap generazionale, le differenze culturali e le esperienze più personali;
    • Un podcast su Spotify: Viagra, pillole di porno;
    • Un sito web su cui pubblicare articoli, infografiche e sviluppare un serious-game.